Ingegneria Ambientale: esami, materie e sbocchi lavorativi

Ingegneria ambientale: alla ricerca di uno sbocco professionale moderno ed in linea con le esigenze richieste dal mondo del lavoro

In termini di scelte universitarie, già da un po’ di tempo, è possibile vagliare una lunga serie di opzioni. Una delle soluzioni più ricercate e valide ricade proprio sull’ingegneria ambientale, una materia particolarmente complessa che fornisce una lunga serie di sbocchi lavorativi. Una scelta particolarmente interessante adatta a tutti coloro che vogliono affrontare un percorso universitario improntato sullo studio dell’ambiente e del territorio. L’ingegneria ambientale è una speciale branca dell’ingegneria classica, che consente di applicare le nozioni  matematiche e fisiche tradizionali ad altrettante conoscenze pratiche. Tale scelta didattica mette in essere un ampio ventaglio di opzioni, consentendo a coloro che scelgono di intraprendere questo percorso di interfacciarsi con un percorso didattico interdisciplinare che toccherà differenti livelli di conoscenza; abilità pratiche e conoscenze teoriche si fondono per dare vita a futuri specialisti del settore ingegneristico civile.


Torna all’indice

Ingegneria ambientale: materie

Se si decide di intraprendere una strada simile è importante informarsi adeguatamente in merito alle materie previste dal corso di laurea in Ingegneria Ambientale. Gli esami da svolgere saranno improntati su differenti campi, ciascuno dei quali attenti a fornire determinate abilità e conoscenze ai futuri ingegneri ambientali. La base formativa è improntata sulle discipline matematiche e analitiche volte a formare professionisti nel settore ingegneristico; a tal proposito sono preventivati nel piano di studi esami di matematica e analisi I e II, esami di geometria ed esami di fisica generale. All’interno del percorso di studi in questione c’è anche la presenza di discipline appartenenti al settore propriamente ambientale e civile: disegno civile, tutela dell’ambiente e tecnologia ambientale; queste sono materie che definiscono il profilo didattico dello studente portandolo allo sviluppo di conoscenze approfondite della materia in questione. Il secondo anno invece sarà maggiormente dedicato allo studio di materie propriamente incentrate sullo sviluppo di conoscenze mirate all’analisi ambientale e civile; scienza delle costruzioni, meccanica ambientale, fisica tecnica, e topografia, sono alcune delle discipline tipiche dello studio ingegneristico ambientale e sono tutte volte a creare una figura altamente professionale e specializzata. Come si è detto invece, il terzo anno consentirà di sviluppare una serie di competenze più professionali e pratiche in modo da dare vita ai futuri ingegneri ambientali. In definitiva si può affermare che il corso di studi in ingegneria ambientale è particolarmente flessibile anche se mirato a fornire conoscenze ed abilità specifiche nel settore della progettazione edile e civile. Dopo aver approfondito il discorso teorico e matematico, il futuro ingegnere dovrà infatti assumere specifiche competenze nel settore di progettazione e gestione delle risorse naturali.


Torna all’indice

Laurea Ingegneria Ambientale: esami

Questo percorso didattico è particolarmente flessibile poiché si ha la possibilità di scegliere la specializzazione che si preferisce considerando differenti opzioni interessanti. La laurea triennale in Ingegneria di primo livello è conseguibile presso la facoltà di ingegneria civile ed ambientale improntata alla formazione di futuri ingegneri specializzati nel settore ingegneristico con una particolare attenzione nei confronti delle proposte eco-sostenibili ed eco-compatibili. Tale scelta universitaria può essere completata con una scelta magistrale nel settore dell’ingegneria per l’ambiente e il territorio. Scegliendo questo percorso didattico ci si assicurerà conoscenze dettagliate in merito alla questione territoriale moderna, tenendo in considerazione una serie di fattori economici-ambientali. La figura nata da questo percorso universitario è specializzata nella progettazione di soluzioni infrastrutturali volte a tutelare l’ambiente, tenendo in considerazione le trasformazioni industriali che orientano l’organizzazione ambientale e territoriale moderna. Andando nello specifico, è possibile sottolineare quali siano gli sbocchi e gli obiettivi di questa branca dell’ingegneria. L‘ingegneria ambientale consente di soddisfare le esigenze edili di ogni paese industrializzato, favorendo la realizzazione di impianti urbanistici di altissimo livello. Il lavoro dell’ingegnere ambientale è volto a realizzare soluzioni strutturali pensate per realizzare opere e sistemi di difesa del suolo e organizzazione dei rifiuti. Questa figura professionale è proiettata a progettare strutture ed impianti volti alla difesa dalle probabili catastrofi naturali.


Torna all’indice

Ingegneria ambientale: piano di studi

Il piano di studi di ingegneria ambientale è organizzato generalmente su due livelli: il curriculum generalista e quello professionale. Tale laurea è costituita da un percorso di studi triennale durante il quale i primi due anni saranno focalizzati sullo studio della metodologia ingegneristica applicata all’ambiente.

  • Il primo anno di studi è orientato all’ottenimento di competenze nei settori chimici fisici e matematici tipici delle discipline ingegneristiche tradizionali.
  • Il secondo anno consentirà di sviluppare le proprie abilità nel settore ingegneristico civile ed ambientale approfondendo soprattutto l’aspetto pratico.
  • Il terzo anno invece consentirà agli studenti di intraprendere il percorso che più preferiscono scegliendo se optare per un curriculum finito, immettendosi poi nel mondo del lavoro, oppure se scegliere di proseguire con gli studi magistrali approfondendo le conoscenze e ottenute durante la triennale.

Scegliere di continuare con una laurea magistrale in Ingegneria consentirà di approfondire ulteriormente le proprie abilità e conoscenze mettendo maggiormente a fuoco gli obiettivi futuri in un contesto più maturo e specializzato. Qualsiasi strada si scelga di intraprendere è necessario che l’ingegnere abbia ottenuto tutte le conoscenze necessarie durante i primi 3 anni di studio tali da essere in grado di gestire future sfide ambientali e urbanistiche.

Torna all’indice

Diventare Ingegnere Ambientale:

Come noto, diventare ingegnere è un percorso arduo e ambizioso che allo stesso tempo è in grado di regalare parecchie soddisfazioni. La figura dell’ingegnere ambientale nel dettaglio, potrà svolgere attività altamente professionali all’interno di enti pubblici volti alla realizzazione di impianti e strutture edili; dovrà assumersi il compito di valutare con estrema attenzione eventuali rischi e pericoli ambientali proponendo soluzioni valide ed in grado di tutelare sia i cittadini che l’ambiente stesso. Altre attività dell‘ingegnere ambientale consentono di dare vita a programmi di recupero e gestione del patrimonio ambientale; particolare attenzione è posta nei confronti degli ambienti riorganizzati dall’attività umana che potrebbero causare danni ed effetti negativi al territorio. Questa figura deve essere in grado di applicare le conoscenze teoriche acquisite durante gli anni di studio di matematica e fisica ad altrettante abilità pratiche. Queste ultime sono fondamentali per la creazione di una figura in grado di gestire e progettare impianti urbanistici sicuri e volti alla tutela dell’ambiente. Dunque la figura dell’ingegnere ambientale ha il compito di progettare piani urbanistici ed edili tali da soddisfare le esigenze dei cittadini, rivolgendo una forte attenzione nei confronti della tutela dell’ambiente e la salvaguardia del patrimonio naturale.

Torna all’indice

Laurea Ingegneria Ambientale Online:

La laurea in Ingegneria Ambientale Online, come per lo stesso corso di laurea in università classiche, prevede esami con metodo frontale. Il MIUR non prevede test d’ammissione programmato, tuttavia tuttavia la maggior parte degli atenei d’Italia subordina l’iscrizione ad un test d’ingresso. I posti disponibili spesso sono pochi, e senza la giusta dose di fortuna, diventare un ingegnere ambientale può rimanere un miraggio. Molteplici invece sono le Università Online in Ingegneria che erogano corsi di laurea in ingegneria senza test d’ingresso, previo possesso di un diploma di maturità. Nessuna prova di selezione quindi, ma solo un test volto ad accertare le competenze iniziali. In caso di qualche lacuna, l’università stessa provvede ad attivare corsi di recupero. Gli studenti sono così messi nelle migliori condizioni per affrontare gli insegnamenti successivi. Le iscrizioni sono aperte in qualunque periodo dell’anno, e la segreteria è disponibile a chiarimenti online 24h su 24 e 7 giorni su 7.

Di seguito i corsi di laurea in Ingegneria Ambientale Online erogati dalla uniche università telematiche riconosciute dal MIUR per il prossimo anno accademico, se hai dei dubbi su quale scegliere non esitare a contattarci.


Torna all’indice

Ingegneria ambientale sbocchi lavorativi:

Dopo aver passato in rassegna il piano di studi, esami, materie e corsi di laurea, è possibile identificare quali siano gli sbocchi lavorativi del corso di ingegneria ambientale a cui possono ambire gli studenti. Il laureato in tale disciplina potrà rivestire il ruolo di addetto alla gestione e al controllo degli interventi di salvaguardia ambientale; il personale specifico di riferimento potrà gestire autonomamente (come libero professionista) una serie di interventi urbanistici volti alla tutela dell’ambiente e alla prevenzione di eventuali catastrofi ambientali. Il corso consente dunque di formare futuri professionisti nel settore ingegneristico-ambientale; i principali sbocchi occupazionali sono: ingegnere ambientale, tecnico delle costruzioni civili, tecnici del controllo idrico, e tecnici del controllo ambientale.

 

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Se stai decidendo a quale Università Online in Ingegneria iscriverti oppure quale corso di Laurea Online in Ingegneria o Master Online in Ingegneria scegliere, non esitare a contattarci attraverso il modulo contatti, ti forniremo una consulenza gratuita per supportarti nella scelta del tuo percorso formativo in maniera consapevole e mirata.

Autorizzo al trattamento dei dati personali, come esplicitato Informativa sulla Privacy.

Torna all’indice

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *